4.2
(19)

Stefano inizia una serie di articoli che avranno come riferimento la Chiaramonte del futuro. Una sorta di “Agenda Chiaramonte 2030” per trattare importanti temi di sviluppo con un orizzonte temporale di medio-lungo termine.

di Stefano Melia

Caro Lorenzo,
da quando sei partito qualcosa nel nostro piccolo paese comincia a cambiare. In primis vi è una maggiore e diffusa consapevolezza da parte dei ragazzi del fatto che condividere percorsi, esperienze e idee possa far emergere le potenzialità che un territorio può esprimere se decide di aggregare piuttosto che dividere.

Finalmente qualche esempio in agricoltura affiora: si inizia a comprendere che bisogna fidarsi di pratiche aziendali che siano specialistiche, i produttori sono impegnati a superare se stessi per la qualità dei prodotti. La ridefinizione delle sottozone dell’olio DOP ha consentito un incremento dell’autorevolezza del Consorzio dell’olio che oggi si avvale di un vero e proprio studio per la riduzione dei costi, per la pianificazione e lo sviluppo, per la ricerca di mercati di nicchia che ripaga adeguatamente la dedizione degli operatori che hanno deciso di investire nell’olio di qualità, come il DOP appunto, nell’IGP uva da tavola e nelle produzioni biologiche le quali registrano una crescita esponenziale.
Non è stato semplice, ma una nuova stagione di aziende e di produttori giovani hanno capito che insieme si possono affrontare le imperversanti concorrenze migliorando la qualità dei prodotti e dei servizi offerti.

Base essenziale per questi sviluppi è stata quindi l’organizzazione che ha consentito, oltre alla riduzione dei costi di produzione, anche la possibilità di accedere ai finanziamenti europei riservati al riconoscimento di comprensori in grado di garantire una filiera a ciclo chiuso che va dalla produzione di qualità alla commercializzazione del prodotto locale il quale ormai si pone ai vertici dei mercati nazionali e non.

Sono felice di poterti raccontare di questi primi effetti di cambiamento e di sviluppo che come sai danno largo respiro a giovani come noi, appassionati e amanti del nostro territorio. Ti scrivo presto.
Chiaramonte Gulfi, Agosto 2030

Un abbraccio.
Stefano

Albero foto creata da jcomp – it.freepik.com

Vota questo articolo

Valutazione media 4.2 / 5. Conteggio voti 19

Write A Comment