4.8
(14)

di L’Alieno

L’avvocato Razza, assessore alla sanità siciliana (non per criterio di competenze, immagino), si è dimesso dopo le ormai famose intercettazioni telefoniche in cui lui e la sua dirigente generale cercavano di aggiustare a tavolino i conti sui morti e sui positivi del Covid.

Non possiamo che dargliene atto, almeno in questo qualcuno ancora ha il pudore di dimettersi dopo certe figuracce. È già una notizia in un paese in cui non si dimette quasi mai nessuno per nessuna ragione.

Ciò detto a leggere le intercettazioni si rischia la dissonanza cognitiva tra diverse e opposte emozioni. Perché mentre a tratti scappa anche da ridere per i dialoghi surreali, quei due li vorresti avere tra le mani per menarli (si fa per dire).

Veniamo ai fatti. Bisognava a tutti i costi evitare le zone rosse, l’ultima il 19 marzo a Palermo. Quei morti e quei positivi in quel giorno erano troppi e dovevano essere ‘spalmati’ in più giorni per evitare di bloccare tutto. Cose simili succedevano anche a novembre e dicembre scorso.

La dirigente generale regionale Maria Letizia Di Liberti

Insomma ne viene fuori il solito spaccato di improvvisazione, dilettantismo, insensibilità e irresponsabilità di una classe politica e di alti burocrati che si rifiutano di mettere un po’ di giudizio. Credibilità zero!

Addirittuta in un momento di sconforto il nostro assessore ‘esperto’ di sanità arriva a dire alla sua dirigente: ‘c’è stata una gravissima sottovalutazione e il dato finale di questa è scritto in quegli indicatori’. E poi ancora: ‘Il fallimento della politica, non siamo stati in grado di tutelarci, i negozi che chiudono, se la possono prendere con noi, non siamo riusciti a fare i posti letto’

Ci sarebbe da aggiungere altro? Invece per il Governatore Musumeci (quello della Sicilia che doveva diventare ‘bellissima’), che è anche Commissario all’emergenza Covid, non è successo nulla di grave. 

Come a dire che non basta più essere colti in flagranza di reato e in azioni moralmente riprovevoli. Si può, al solito, far finta di niente. Amen.

Vota questo articolo

Valutazione media 4.8 / 5. Conteggio voti 14

1 Comment

  1. Al disgusto e alla vergogna provata per il comportamento di codesti sottospecie di politici,si aggiunge il dolore per le vittime innocenti sicuramente provocati dalle mancate restrizioni che avrebbero dovuto essere applicate come da D.P.C.M. UNO DEI PAESI PIÙ BELLI SE NON IL PIÙ BELLO DEL MONDO TRASCINATO ALL’AUTODISTRUZIONE DA UN
    CONSISTENTE GRUPPO DI IRRESPONSABILI!!!

Write A Comment

OLTREIMURI.BLOG