5
(21)

di Giuseppe Cultrera

Adesso che, da mattina a sera, il caldo ci avvolge nelle sue spire – andando per la campagna o calcando le basole dei nostri borghi – la vista improvvisa di una fonte gorgogliante o di fontanelle pronte a elargire un fiotto di argentea acqua, ci appare quale magico miraggio. Invece, furono presenze essenziali e vitali nel passato, per l’uomo e le bestie da lavoro.

Divengono oggi, sempre più, orpelli inutili nelle città moderne e fragili reperti nelle campagne e periferie. Eppure, nelle pietre corrose dal tempo e ricoperte di umido muschio, si leggono pagine di memorie intrise di lavoro e di vissuto.

fontane e fontanelle
Ragusa, Quattro Fonti (foto Gianluca Ferraro)

Nelle tre comunità montane – Chiaramonte, Giarratana e Monterosso – sopravvivono diversi e singolari esemplari. Gran parte ancora orgogliosamente attivi, persino nelle funzioni più ancestrali quali quelle di abbeveratoi per animali o lavatoi pubblici. E come fornitori d’acqua, specialmente durante la calura estiva.

Fontane e fontanelle
Giarratana, U rugghiu vecchiu e nuovo (foto Gianluca Ferraro)

U rugghiu vecchiu non risuona più delle tante voci femminili delle lavandaie intente a sciacquare la biancheria, né di quelle scherzosamente squillanti delle ragazze che attingono alle fontanelle per portare acqua potabile in casa, mentre massari e contadini abbeveravano le bestie da soma o da allevamento. Anche U rugghiu nuovo che affiancò il vecchio in epoca successiva, a riprova che Giarratana cresceva, non risuona più di voci concitate, mentre l’acqua scivola solitaria dalle quattro cannelle.

Fontane e fontanelle
Monterosso Almo, U tunnu (foto Gianluca Ferraro)

O tunnu l’acqua si increspa lievemente riflettendo l’azzurro terso del cielo: le donne di Monterosso non vengono più ad attingere l’acqua fresca o sciacquare i panni contendendo la vasca dell’abbeveratoio ai contadini che a cavalcioni del mulo o dell’asino vanno o tornano dal lavoro; e manco le greggi si spingono fin lì per abbeverarsi. Per le strette vanedde e le altalenanti scalinate si incontrano spesso eleganti fontanelle (la maggior parte ora mute) che ci ricordano che l’acqua corrente in casa è un “agio” recente.

Fontane e fontanelle
Chiaramonte Gulfi, U furrieri (foto Giovanni Noto)

U furrieri un tempo principale approvvigionamento idrico di Chiaramonte, con le sue eleganti fonti, la grande vasca per abbeverare le bestie e i “comodi lavatoi” annessi, sembra destinato a un irreversibile decadimento. Sul versante orientale la sorgente di S. Lucia alimenta a funtana (due cannelle per l’acqua potabile e un ampio abbeveratoio), la quale mostra evidenti i segni di altrettanta precarietà. Nelle campagne, intensamente antropizzate, sono presenti numerose fontane e abbeveratoi pubblici, in gran parte ancora vitali.

bn
Monterosso Almo (foto Gianluca Ferraro)

Un censimento delle strutture esistenti – siano esse semplici fontanelle, o fontane e abbeveratoi, anche lavatoi pubblici – sarebbe un primo rilevante contributo alla loro tutela e conservazione. Propedeutico a una successiva programmazione di interventi mirati al restauro e ripristino (per quelle non attive) e a una manutenzione continuativa.

D’accordo sono microstrutture, spesso prive di interesse storico o artistico: ma in ogni caso rappresentano tasselli della nostra storia comunitaria, di un approccio “ecologico” a un bene essenziale, qual è l’acqua, presente nel territorio e spesso non adeguatamente valorizzato.

È un appello ai tre sindaci appena eletti: che conosco e so che sono sensibili e attenti a queste tematiche. So bene, per aver lavorato negli enti locali, la gran mole di incombenze e problematiche altrettanto urgenti e prioritarie che si troveranno ad affrontare dal primo giorno. Ma so anche che chi ha scelto di intraprendere questo temerario percorso ha coraggio, entusiasmo e tenacia, per alzare l’asticella di una piccola tacca in più!

Noi ci siamo: a sostegno, collaborazione, incoraggiamento, sollecitazione. Se riusciremo, anche solo in parte, a far rivivere questi reperti, consegneremo al futuro un fascinoso pezzo del passato e forse aiuteremo pure il futuro a essere migliore.

Si ringraziano per la collaborazione: Gianluca Ferraro, Giovanni Noto, Luca Ventura.

 

Giarratana: foto di Gianluca Ferraro

fonte
Fontanella in piazza, accanto alla chiesa Madre
fonte
Funtana ‘a ucieddu, strada per Calaforno
fonte
Fontanella nel centro storico, ‘o cuozzu
fonte
Fontanella nel cento storico, ‘o cuozzu
giarratana
‘U rugghiu viecciu, antica fonte con lavatoio e abbeveratoio

giarratanagiarratana

giarratana
Fonte abbeveratoio ‘U rugghiu nuovo

giarr

 

Monterosso Almo: foto di Gianluca Ferraro

monterosso
Fontanella ‘ra chiazzitedda
monterosso
‘A ffacciata
monterosso
Fontanella murale ‘ra strata ranni
almo
Abbeveratoio e fonte ‘re Canalazzi, oggi nel parco Canalazzi

almo

fontanella
Abbeveratoio e fontana Gazzena

 

Chiaramonte Gulfi: foto di Luca Ventura

fontanella
Fontanella, nel centro storico, accanto alla porta dell’Annunziata
fontanella
‘U furrieri, antica sorgente con fontana, abbeveratoio e lavatoi

fontanella

fontana
‘A funtana, c.da S. Lucia, abbeveratoio e fonte
fontana
Abbeveratoio e fonte ‘ra Maronna, accanto al Santuario di Gulfi, luogo un tempo delle fiere di bestiame
fontana
Fontana di Morana
fontana
Fontana di Poggio Gallo

Vota questo articolo

Valutazione media 5 / 5. Conteggio voti 21

Write A Comment

OLTREIMURI.BLOG