5
(3)

ovvero
Sincronizziamo gli orologi bis

di Giulia Cultrera

Per i fan di How I met your mother è tempo di ripercorrere il viale dei ricordi con lo spin-off How I met your father. La serie riesce a coniugare novità e nostalgia, optando per un’ambientazione che richiama il Central Perk – con tanto di iconico divano – e, allo stesso tempo, l’amato MacLaren’s Pub. D’altra parte, se il fulcro della narrazione è proprio un gruppo di amici, non possiamo non citare la sitcom per eccellenza, Friends.

L’ex appartamento di Ted e Marshall è pronto ad accogliere nuovi inquilini, diventando teatro di (dis)avventure altrettanto comiche e surreali. Chissà se le spade saranno utilizzate per dar vita a un altro rocambolesco duello… how i met your father

Iniziamo How I met your father pensando che Sophie sia la versione al femminile di Ted, ma più ci avviciniamo alla fine e più notiamo somiglianze con il personaggio di Robin. Difatti, nonostante la nostra protagonista condivida con il suo alter ego l’aspetto goffo, sognante e un po’ impacciato a cui siamo ben abituati, non è intenzionata a buttarsi a capofitto nelle relazioni amorose come ha sempre fatto Ted. Anzi, sembra proprio che questo lato del carattere sia più nelle corde di Jesse.

Sicuramente questo è un punto a favore, evitando così di creare personaggi identici o che strizzano troppo l’occhio alla serie madre, ma adattandoli ai giorni nostri. Ci ritroviamo a conoscere una generazione diversa di trentenni, ancora precari e senza un lavoro stabile, ma con la stessa caparbietà e voglia di ritagliarsi il proprio spazio nel mondo.how i met your father

Non possono mancare citazioni, camei e riferimenti a How I met your mother, che fanno apprezzare ancora di più questo spin-off, senza però interferire con la narrazione, permettendo anche a chi non ha visto lo show originale di entrare perfettamente nel mood della serie.

E infatti, il concept di How I met your father è lo stesso: il tempismo è tutto. Possiamo già prevedere che i protagonisti impiegheranno un po’ di tempo – o stagioni – per afferrare appieno questo concetto.how i met your father

La serie non ha il piglio ironico e sarcastico dell’originale – anche perché manca un personaggio coinvolgente e sopra le righe come Barney – ma si regge in piedi benissimo da sola. In soli dieci episodi caratterizza in profondità i protagonisti, consentendo di affezionarci sin da subito a loro.

L’obiettivo principale della prossima stagione sarà scoprire cosa è successo la notte di Halloween del 2018, anche se, viste le premesse, questa storia ha tutta l’aria di diventare il nuovo il mistero dell’ananas.

how i met your father

Vota questo articolo

Valutazione media 5 / 5. Conteggio voti 3

Write A Comment

OLTREIMURI.BLOG