3.5
(4)

di L’Alieno

In un liceo di Partinico la proposta di intitolare la scuola a Peppino Impastato e a sua mamma Felicia è stata bocciata dagli studenti perché ritenuta “divisiva”. D-I-V-I-S-I-V-A, chiaro? Le parole sono come le pietre. Si, è vero! E fanno davvero male se scagliate all’interno di una società civile malata come la nostra, sempre in bilico tra i valori di legalità e illegalità. Inutile nasconderselo.

“Adesso vuoi vedere che essere pro o contro la mafia è da ritenersi divisivo in Sicilia?” mi sono chiesto a primo acchito, tra un misto di stupore e tristezza. No. Le motivazioni addotte, in un certo senso, appaiono ancora più banali e disarmanti. Peppino Impastato sarebbe risultato “divisivo” non per la sua coraggiosissima lotta contro la mafia, se si ricorda pure che lui stesso era figlio e nipote di mafiosi, ma per aver avuto niente-poco-di-meno-che “idee comuniste”. Ovvero idee terribili in grado di oscurare qualsiasi altro merito, anche il più eroico.

Il liceo scientifico di Partinico

I ragazzi hanno voluto comunque sottolineare, bontà loro, che “non hanno nulla contro Impastato”, ma avrebbero preferito intitolare la scuola, se proprio doveva scegliersi un eroe antimafia, al più “asettico” Rosario Livatino, il giudice ragazzino, del quale non sarebbero note le simpatie politiche. Lieto di rilevare, almeno in questo caso, che la grande fede cristiana del magistrato in questione e la sua ascesa agli onori dell’altare non sono risultati “divisivi” nel dibattito tra studenti credenti e non credenti.

Molto, molto, deludente, cari ragazzi. A maggior ragione se questi pensieri disfunzionali provengono da giovanissimi studenti come voi, che avete dato prova di possedere già il tarlo malefico delle ideologie politiche. E se questo accade e provoca divisioni in Sicilia, terra martoriata dalla mafia da sempre, è un fatto grave.

Già per il solo fatto di aver vissuto e lottato contro la mafia nello stesso territorio (Cinisi e Partinico distano pochi chilometri), avrebbe dovuto far scattare, in quel liceo, una grande empatia nei confronti della figura di Peppino Impastato. Quel nome avrebbero dovuto proporlo loro stessi per primi. Niente da fare, invece. Le famigerate “idee comuniste” hanno fatto la vera differenza, a prescindere…

Vota questo articolo

Valutazione media 3.5 / 5. Conteggio voti 4

Write A Comment