Tag

iblei

Browsing

di Giuseppe Cultrera

Le edicole devote sono una presenza familiare nel territorio ibleo. Molte ancora sopravvivono –  pur se private spesso della icona o saccheggiate –  a testimonianza di un passato in cui furono in simbiosi con l’uomo e il paesaggio, segni e luoghi del sacro.

Fiuredde solitarie
Ragusa, contrada Cento Pozzi

Chi le eresse volle sacralizzare il territorio sottraendolo alle forze del male. E pose le immagini dei protettori celesti al margine dei campi, nei quadrivi, nelle vicinanze delle sorgenti, sulle cime di alcune alture; accanto alla propria abitazione, nel prospetto o nei pilastri (pulere) di accesso al fondo. Divennero, nel tempo, patrimonio della comunità che in quei luoghi stava e di coloro che in seguito vi abitarono. Legando le generazioni.

Fiuredde solitarie
Ragusa: (dall’alto in senso orario) contrada Cornocchia, c.da Papaleo, c.da Menta, c.da Pianicella, c.da Renna

Oggi, scomparsi o attenuatesi piètas e tabù, connessi al segno e al rito, le edicole appaiono sempre più un reperto di microarchitettura popolare scissa dall’uomo e dal paesaggio umano. Mentre la loro struttura, i decori e le icone contenute, non più protetti dal tabù del sacro né dalla presenza di proprietari e vicini, divengono facile preda di rapaci collezionisti.

Fiuredde solitarie
Modica, contrada Frigintini

Preservarle diviene, pertanto, dovere di tutti. Ciascuno a suo modo. Con la propria sensibilità e cultura. 
E il primo e fondamentale approccio è la conoscenza di questo ricco patrimonio di arte e devozione popolare. Catalogarle o fotografarle (come ha fatto Giovanni Tidona) è già un valido contributo. Individuandole nel paesaggio umano quali amichevoli compagne e sentinelle: magari nella passeggiata domenicale alla ricerca di aria pura, spazi appaganti, erbe e verdure spontanee (gli asparagi tra poco cominceranno a far capolino).

Fiuredde solitarie
Da sinistra: contrada San Giacomo, Ispica, Scicli

Tenerle sott’occhio, curarle persino, o invitare coloro che sono limitrofi a non abbandonarle, interessare associazioni o istituzioni, segnalando quelle più fragili. 
Anche nella più piccola e semplice fiurèdda c’è storia e arte stratificata: ma, principalmente, il racconto di relazioni, di passioni umane e religiosità popolare.

Foto: Giovanni Tidona.

Edicole iblee, il segno e il rito
Monterosso Almo, Sant’Antonio
Edicole iblee, il segno e il rito
Santa Croce Camerina
Edicole iblee, il segno e il rito
Chiaramonte Gulfi, Quattro Cappelle
Edicole iblee, il segno e il rito
Comiso, Contrada Giardinello
sacro
Ragusa Ibla