Tag

Organo della chiesa di San Filippo Chiaramonte

Browsing

di Giuseppe Cultrera

La famiglia Serassi di Bergamo fu tra i maggiori costruttori di organi per chiese, nei secoli XVIII e XIX. Anche in Sicilia troviamo parecchie di queste strutture armoniche di grande impatto emotivo e religioso; sono poche però quelle giunte integre fino a noi, con ‘macchina’ e registri musicali originari. Tra quest’ultime l’organo della chiesa di S. Filippo d’Agira di Chiaramonte Gulfi, perfettamente funzionante dopo il restauro di alcuni anni fa.

organo Serassi
Chiaramonte Gulfi, chiesa di San Filippo. (Foto Giulio Lettica) – (A destra) Il sacerdote Raffaele Ventura, rettore e procuratore della chiesa di S. Filippo, in una foto di fine Ottocento (collezione Ventura)

Don Giuseppe Maggiore era appassionato di poesia e musica e frequentava i colti cenacoli della vicina Ragusa. Dove, una sera di inizio 1882, a casa dell’amico don Ciccio Bertini, conobbe Casimiro Allieri, direttore della Real Fabbrica di organi di Bergamo, che stava impiantando un organum maximum a Ibla nella cattedrale di San Giorgio. Il colto prelato invitò il maestro organaro a Chiaramonte per negoziare l’acquisto di un “Serassi” per la chiesa di San Filippo.

organo serassi
Chiaramonte Gulfi, Chiesa di San Filippo: L’organo Serassi del 1883. (A destra): Lo stesso organo durante il restauro del 2010. (Foto Vincenzo Cupperi)

Il contratto stipulato tra l’Allieri, per conto della casa Serassi, e i sacerdoti Raffaele Ventura e Salvatore Buè, per conto della chiesa di san Filippo, prevedeva la consegna dei materiali e la costruzione dell’organo nell’arco di un anno, per la somma totale di £. 1.660. A inizio anno successivo giunsero su battello al porto di Scoglitti i materiali da assemblare e montare. Poco dopo arrivò il tecnico Locatelli che andava ospitato e coadiuvato da maestranze locali. Per come leggiamo nella lettera (inedita, riprodotta in fine) di Ferdinando Serassi, titolare della omonima ditta:
“Colla presente accompagniamo il lavorante di meccanica Pietro Locatelli; il quale viene per l’incominciamento dei lavori. Interessiamo quindi l’Onorevole Amministrazione a volergli favorire, quanto si stabilì nel contratto cioè, alloggio, oggetti per cucina ecc. ecc.”

organo serassi
Particolare della struttura in legno che contiene l’organo, opera dello scultore chiaramontano Rosario Distefano. (Foto Vincenzo Cupperi)

Nel maggio 1883 l’opera è completata. Giunge a Chiaramonte don Casimiro Allieri, contitolare della ditta Serassi, che viene ospitato dal sacerdote Maggiore, col quale aveva stretto amicizia; assieme al collaudatore Prof. Giacomo Zacchi di Brescia che, invece, viene ospitato in una locanda. Il 27 maggio 1883 nella chiesa parata a festa – sindaco Lorenzo Iannizzotto e parroco Alfonso Rosso in prima fila – il prof. Giacomo Zacchi esalta la soave e corposa melodia del nuovo organo Serassi, con un concerto inaugurale.

organo serassi
Particolare dell’organo Serassi di San Lorenzo a Firenze (1865) “A seguito di tale opera collocata da Giacomo Locatelli, tuttora ben conservata, il Re Vittorio Emanuele II, nominò il signor Giacomo Serassi Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, e concesse alla ditta la facoltà di fregiare del Regio stemma l’insegna del suo stabilimento artistico industriale”
lettera
Lettera autografa di Ferdinando Serassi, titolare della omonima ditta, agli amministratori della chiesa di S. Filippo, 19 marzo 1883