Tag

Silvio Orlando

Browsing

di Vito Castagna

A volte la colonna sonora di un film può dirci molto sul lungometraggio stesso. È quello che mi è accaduto imbattendomi in quella di Siccità, film diretto da Paolo Virzì e ancora in proiezione presso le sale italiane.

I titoli delle tracce sono già di per sé particolarmente eloquenti – li riporto in ordine di riproduzione all’interno della pellicola: Pioggia Versione Trio, Aurora, La Poetica del Secco, Acido, Canto Fermo, Confessione, Filo del Ragno, Miraggio, Notturno, Passo dopo Passo, Tevere Mitologico, Pioggia.

Paolo Virzì (foto wikipedia)

Francesco Piersanti, compositore e direttore di queste musiche originali, dirà in un’intervista: «… in “Siccità” il suono si inacidisce molto come fosse vittima di una disidratazione fonica, e tutto sembra stridere e alterarsi». L’affermazione di Piersanti e i titoli qui sopra riportati non credo possano lasciare dubbi sul fatto che la siccità, oltre ad essere intesa come una condizione fisica, di privazione di una fonte di vita, è in primo luogo uno stato d’animo.

Difatti, la mancanza di acqua di Virzì non solo soffoca Roma da più di tre anni, ma corrode l’animo dei suoi abitanti, fiaccandone i sensi e generando stati di profondo disagio sociale. Questa capitale, ormai giunta al collasso, alterna l’apatia verso le disgrazie altrui a stati di rabbia feroce, il qualunquismo alla mitomania, l’infelicità ad esplosioni di vitale amore. Un gioco degli eccessi, giustificato da una situazione climatico-sanitaria del tutto eccezionale.

Il Tevere in secca di “Siccità” (foto, lafionda.org)

In questo paesaggio distopico, galleggia un cast d’eccezione: Emanuela Fanelli, Silvio Orlando, Monica Bellucci, Valerio Mastandrea, Claudia Pandolfi, Tommaso Ragno, per citare solo alcuni dei volti più noti del nostro cinema. A loro è affidato il compito di dar vita a questi drammi, attraverso i propri punti di vista, ma, al contempo, tutti saldamente legati reciprocamente. Una metafora, a detta del regista, della vita stessa, nella quale ognuno di noi fa parte di un arcipelago di isole vastissimo, difficile da sezionare e isolare.

Questa condizione, palesatasi durante i momenti più aspri della pandemia, viene riprodotta con cura, lasciando lo spettatore a tratti incredulo di fronte all’inaspettato intreccio narrativo che lega personaggi apparentemente distanti.

Silvio Orlando (foto ehabitat.it)

Eppure, la coralità riprodotta da Virzì sembra mancare di concretezza. La caratterizzazione appare efficace ma è priva di quell’anelito vitale che spinge un buon personaggio ad essere amato dal pubblico. Siccità mette tanta carne al fuoco, rappresentando nuovi “tipi” di italiano medio, ma questo forse lo rende un lavoro tanto ambizioso quanto incompleto.

Nonostante questa carenza, il film raggiunge il suo scopo, quello di spingere verso interrogativi esistenziali: cosa ne sarà del nostro futuro? Come influenzeremo e verremo influenzati dal clima? È troppo tardi per fermare il collasso del nostro sistema? Domande scontate per risposte mai scontate.

Valerio Mastandrea (foto ansa.it)

Siccità non ci dà risposte, se non la sola ed unica possibile, quella della speranza. Intervistato prima della proiezione al Festival del Cinema di Venezia, Virzì affermerà: «Non si può raccontare niente se non si ha speranza nell’umano». E tornando al nostro punto di partenza, è proprio la Pioggia, quella rappresentata musicalmente oltre che visivamente, la speme tanto desiderata. Quell’acqua salvifica che perdona, così pura che è in grado di rilanciare una nuova società.